Itinerari turistici della Romagna

San Marino:

L’indipendenza della Repubblica ha origini antichissime, tanto che San Marino è ritenuta la più antica repubblica del mondo. La tradizione fa risalire la sua fondazione al 3 settembre 301 d.C., quando il Santo Marino, stabilì una piccola comunità cristiana sul Monte Titano. La piccola capitale racchiude un patrimonio storico, mussale, architettonico di inestimabile valore

San Leo:

La più bella città d’Italia“, così Umberto Eco definiva il borgo di San Leo in Emilia Romagna. Due chiese, una piazza, una fortezza e uno sperone roccioso a 600 metri sul livello del mare, rendono questo borgo in provincia di Rimini un luogo fuori dal tempo.
Il Forte esiste sin dall’epoca romana; si presenta oggi con l’impianto rinascimentale dovuto all’architetto senese Francesco di Giorgio Martini, a cui Federico da Montefeltro affidò il compito di adeguare la fortezza alle nuove armi da fuoco. Oggi molti visitatori sono attratti anche dal luogo di prigionia e morte di Cagliostro.

Gradara

La Rocca di Gradara rappresenta un magnifico esempio di architettura militare del XII -XIV sec. che signoreggio maestosa su una collina a pochi chilometri dal mare. Iniziata 900 anni fa’ dai Degriffo fu ingrandita ed abbellita nei secoli dai diversi feudatari di Gradara: i Malatesta, gli Sforza, i Della Rovere.

Longiano:

Poco distante dal mare ha vinto nel 1991 il premio come “villaggio ideale d’Italia” conferito dalla rivista Airone con il patrocinio della comunità europea. Questo piccolo borgo dal caratteristico centro storico è circondato da vigneti, frutteti, luoghi storici e panoramici di sicuro interesse per i turisti.

Ravenna:

Ravenna città d’arte e cultura, città del mosaico, città antica che 1600 anni fa è stata tre volte capitale: dell’impero romano d’occidente, di Teodorico re dei Goti, dell’impero di Bisanzio in Europa. La magnificenza di quel periodo ha lasciato a Ravenna una grande eredità di monumenti: sono ben 8 gli edifici che sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

L’arte del mosaico a Ravenna ha trovato la sua più ampia espressione. Inoltre, si può passeggiare tra le torri campanarie e chiostri monastici, passando dal romanico al gotico, dagli affreschi giotteschi di Santa Chiara al Barocco dell’abside di S. Apollinare Nuovo; dalle testimonianze dell’ultimo rifugio di Dante Alighieri ai Palazzi che videro gli amori di Lord Byron.